Le catene di blocchi e l’identità digitale sono interdipendenti

Dal 15 al 18 maggio si è svolta a Monaco di Baviera la European Identity Conference 2018. All’EIC2018 sono stati discussi vari aspetti dell’identità digitale. I temi principali erano le possibilità della tecnologia a catena di blocchi e le implicazioni della DSGVO.

La tecnologia a catena di blocchi e l’identità digitale sono due argomenti che si sovrappongono fortemente. Quasi ovunque nel mondo moderno è in gioco l’identità digitale dell’individuo. Non importa se si tratta di proprietà digitale, proprietà dei dati, privacy o norme KYC sugli scambi di crittografia. Come sottolineato il 15 maggio per quanto riguarda la Blockchein ID Innovation Night, la Blockchain è una questione di Identity Access Management e Digital Rights. Di conseguenza, anche questo è stato un tema centrale della Conferenza europea sull’identità 2018.

La European Identity Conference o EIC2018 in breve è organizzata da KuppingerCole. KuppingerCole, una società di consulenza e analisi con un focus sull’identità che esiste dal 2004, ospita questa conferenza dal 2007.

Identity 4.0 sarà presto disponibile di Bitcoin formula?

L’identità e Bitcoin formula è un tema molto importante: https://www.onlinebetrug.net/it/bitcoin-formula/ soprattutto quando si parla di possibili sviluppi futuri, delle possibilità dell’intelligenza artificiale, dei grandi dati o delle implicazioni di un mondo in rete, non si può parlare solo degli aspetti positivi. In una tavola rotonda più ampia, giovedì scorso, un oratore ha disegnato una stampa parallela a quella del libro.

L’invenzione di Gutenberg ha aiutato le persone in Europa a fare un grande balzo in avanti, ma ha anche giocato un ruolo importante nella Guerra dei Trent’anni. Sviluppi simili possono ora essere visti: Per quanto il mondo digitale ci colleghi e dia accesso alle informazioni per tutti, il Web 2.0 ha anche dato il via a una rinascita di Hate Speech e Fake News.

Queste cose o la crescente sorveglianza che si sta svolgendo grazie all’intelligenza artificiale e al riconoscimento facciale portano alcune persone a rifiutare fondamentalmente le tecnologie. La storia dimostra, tuttavia, che gli scioperanti non hanno mai vinto. Inoltre, le moderne tecnologie non sono di per sé negative: in India, 3.000 famiglie si sono riunite grazie al controverso riconoscimento facciale.

La soluzione può essere solo quella di sviluppare queste tecnologie in modo responsabile. Un aspetto di questa responsabilità ha a che fare con la proprietà dei dati. La vostra identità digitale deve essere di vostra proprietà. Ciò richiede sia la creazione di tecnologie che l’istituzione di un quadro normativo.

Cosa manca all’identità digitale? Identità!

In una nota chiave di apertura, Martin Kuppiner, uno dei fondatori di KuppingerCole, ha affrontato le difficoltà di utilizzare la tecnologia a catena a blocchi nel contesto dell’identità digitale. Ha iniziato con la storia dell’identità digitale dai primi computer mainframe ai giorni nostri. Egli ha sottolineato che nel corso del tempo sempre più stakeholder sono stati coinvolti, cosicché ora tutto può essere collegato almeno in linea di principio con standard aperti. Con l’emergere di diversi tipi di identità (clienti/partner/società, anche le cose), è diventato sempre più difficile nel tempo per concretizzare realmente l’identità dell’individuo. Tutti noi dobbiamo creare un nuovo account per ogni servizio web per dare un esempio di questo problema. In sintesi, possiamo dire con il signor Kuppinger:

L’elemento mancante dell’identità è l’identità

Anche se vari esperti – tra cui il sig. Kuppinger – sono convinti che la tecnologia blockchain può aiutare in questo problema, va notato che l’elemento mancante è l’identità stessa. Il problema è ancora più complesso che nei sistemi tradizionali: Oltre all’identità pseudonimica dei singoli utenti, devono essere presi in considerazione anche altri soggetti interessati come minatori, host di nodi o sviluppatori. Questo significa che oltre alla verifica del portafoglio utente ci sono ulteriori processi di autenticazione dei nodi e dei minatori. Nel caso degli Smart Contracts, la situazione, l’interazione di identità digitali diverse è ancora più complessa.

Come la tecnologia a catena di blocco può aiutare l’identità digitale
Tuttavia, il sig. Kuppinger ritiene che la tecnologia blockchain possa aiutare a risolvere il problema di identità dell’identità digitale. Ancora di più: oltre alla verifica, all’autenticazione, all’autorizzazione, all’auditing e alla tutela della privacy, la catena di blocco ha ancora più possibilità e può così ampliare il precedente concetto di identità. Gli utenti possono essere collegati a transazioni o anche a beni, una possibilità che esiste grazie a DID. Con l’aiuto di Smart Contracts è possibile

Comments are disabled